DIVIETO PUBBLICAZIONE SONDAGGI

Ai sensi dell'art. 8, comma 1, della legge 22 febbraio 2000, n. 28, dalle ore 24.00 di venerdì 4 settembre 2020 e sino alla chiusura delle operazioni di votazione in data 21 settembre 2020 vige il divieto di rendere pubblici o, comunque, di diffondere i risultati di sondaggi demoscopici sull’esito delle prossime consultazioni popolari e sugli orientamenti politici e di voto degli elettori (anche se i sondaggi siano stati effettuati in un periodo precedente a quello in cui vige il divieto).

Il divieto si riferisce a tutte le competizioni  elettorali in corso di svolgimento (Referendum, elezioni regionali, comunali e suppletive al Senato).

Come chiarito dall'Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni (AGCOM), la ratio del divieto è quella di evitare che la diffusione di sondaggi possa condizionare  l’elettorato nei giorni più prossimi alla data delle votazioni.

 L’Autorità richiama tutti i soggetti obbligati al più rigoroso rispetto di tale divieto, comprese  le società esercenti le piattaforme on line le quali, tenuto conto degli impegni assunti per garantire la
parità di accesso dei soggetti politici, identificano “procedure che consentano all’Autorità di  segnalare contenuti che diffondono i risultati dei sondaggio nei 15 giorni antecedenti il voto, ai fini
della loro rimozione
”.

 

comunicato stampa dell'AGCOM in data 4 settembre 2020

ruesp83(Fabio Russo)